1024 Idee in comune - Committente elettorale: Pedrini MIlena

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Consiglieri Resoconto C.C. Resoconto del Consiglio Comunale del 20 gennaio 2010

Resoconto del Consiglio Comunale del 20 gennaio 2010

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Apertura del Consiglio Comunale del 20 gennaio 2010 alle ore 20.20

 

Ordine del giorno:

  1. Approvazione verbali sedute precedenti
  2. Comunicazioni del Sindaco – relazione danni emergenza alluvionale
  3. Approvazione atto di transazione e cessione di diritti afferenti complesso immobiliare sito in Aulla Località Vecchietto
  4. Autorizzazione al trasferimento del diritto di proprietà di area di sedime del fabbricato adibito a Sacrestia e di reliquato strada comunale sito in Aulla Località Vecchietto
  5. Approvazione piano di somministrazioni di cibi e bevande
  6. Interpellanze e Interrogazioni

 

Discussione 1° punto

Discussione 2° punto

Discussione 3° punto

Discussione 4° punto

Discussione 5° punto

Discussione 6° punto

 

Si procede con l’appello, risultano assenti:

Per la maggioranza: Bertoncini (che arriva a Consiglio iniziato) e Giovannoni

Per la minoranza: Vasoli (Pdl) e Vivaldi (Pdl)

 

La seduta è valida con 17 presenti.

 

Si nominano gli scrutatori:

Per la maggioranza: Cargiolli e Chiodetti

Per la minoranza: Ratti (Idee in Comune)

 

Il presidente del Consiglio Bonini comunica che  la scuola media di Aulla ha organizzato, per le ore 10.00 del 30/01/2010 presso il cinema di Aulla, la proiezione del film “Il bambino con il pigiama a righe” in occasione del giorno della memoria del 27/01/2010. Data l’importanza dell’iniziativa invita alla presenza il gruppo consigliare che, ha il compito di condividere e presenziare alla iniziative contro la violenza soprattutto in un momento come questo in cui si è sempre più spesso spettatori di violenze, stupri e discriminazioni verso chi è diverso. 

 

Comunica poi che il Consiglio Comunale e il Consiglio dei Giovani hanno sposato la campagna di raccolta sangue organizzata dall’AVIS, invita tutti a partecipare alla prossima raccolta che si terrà nella giornata del 30/01/2010 in Via Apua ad Aulla. 

 

Invita la Commissione Affari Costituzionale ad accelerare il processo per la modifica del Regolamento Comunale in modo da poterlo portare in Consiglio nel mese di febbraio.

 

Accoglie la richiesta del Consigliere Ratti (Idee in Comune) per l’adozione di brocche di vetro, portate dal gruppo Idee in Comune, in Consiglio Comunale al posto delle bottigliette di plastica fino ad ora utilizzate. Sottolinea come la Lunigiana sia una zona ricca di acqua e ricorda i danni che ha provocato pochi giorni fa  e che quindi questo è un modo per poterla sfruttare positivamente.

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) fa presente che molti comuni virtuosi della Toscana utilizzano acqua pubblica anche nelle mense scolastiche. Comunica poi di aver conservato i vuoti delle bottigliette di plastica utilizzate fino ad ora nei Consigli Comunali e pesandole risultano essere circa 0,5 Kg di plastica per produrre il quale è necessario circa 1 Kg di petrolio, oltre all’inquinamento dovuto ai vari passaggi di trasporto. Utilizzando le brocche, non solo si sfrutta la potenzialità dell’acqua locale, ma si evita la produzione del rifiuto. Si rende poi disponibile per riempire la tanica da 10 litri con l’acqua del “fontanone” o acqua di rubinetto per i prossimi Consigli. Ha poi portato una confezione di bicchieri PLA e biodegradabili in 60 giorni. Con questa iniziativa spera che il Comune possa essere di buon esempio per tutti.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini propone una variazione dell’ordine del giorno portando le comunicazioni del Sindaco al punto 5. 

 

La variazione viene approvata con voto unanime.

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) fa presente che l’ultimo Consiglio Comunale del 30/11/09 si era aperto con gli auguri all’Assessore Martorini per il suoi nuovo incarico in Comunità Montana, chiede quindi se rinuncia al suo incarico di Assessore al Bilancio e chi sarà il nuovo incaricato.

 

Il Sindaco Simoncini dice che la spiegazione faceva parte delle comunicazioni posticipate e  che comunque la presenza di Martorini in veste di Assessore al Bilancio questa sera è un mero fatto burocratico in quanto il dirigente che deve provvedere all’incarico è malato. Nel prossimo Consiglio Comunale verrà comunicato il sostituto, per ora non c’è un nuovo Assessore.

 

Si procede alla discussione del punto 1 dell’ordine del giorno “Approvazione verbali sedute precedenti”

 

Consiglio Comunale del 30/09/09        delibere dalla 100 alla 106

Consiglio Comunale del 16/10/09        delibere dalla 107 alla 114

Consiglio Comunale del 21/10/09        delibere dalla 115 alla 118

Consiglio Comunale del 30/11/09        delibere dalla 119 alla 132

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) chiede che  le delibere vengano votate una per una.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) si associa alla richiesta del Consigliere Semeria dicendo di aver ricevuto la comunicazione oggi alle ore 14:00 e non aver quindi avuto tempo di visionarle tutte, chiede quindi la votazione una per una altrimenti il rinvio dell’approvazione

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) dice di non aver ricevuto nessuna comunicazione.

 

Il Consigliere Colombo (maggioranza) si dichiara favorevole alla votazione una per una delle delibere.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini chiede la votazione per il rinvio dell’approvazione.

 

Il Sindaco Simoncini chiede di quanto tempo abbiano bisogno per leggere i verbali.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) risponde dei tempi che prevede il regolamento cioè 48 ore e della documentazione integra.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini rinvia l’approvazione al prossimo Consiglio Comunale.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) precisa che i verbali da leggere sono 38.

 

Il Consigliere Moretti (Pdl) chiede che ogni ad ogni Consiglio Comunale ci sia l’approvazione del verbale del Consiglio Comunale precedente in modo da non dover arrivare ad un accumulo di verbali da dover leggere e votare.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini trova la richiesta del Consigliere Moretti ragionevole e auspica che le discussioni n Consiglio Comunale vertano sul contenuto e non sulla forma. E’ giusto mettere gli uffici in condizioni di poter lavorare correttamente in modo da poter consegnare la documentazione necessaria nei tempi e nei modi corretti.

 

Si passa alla discussione del punto 2 all’ordine del giorno “Approvazione atto di transazione e cessione di diritti afferenti complesso immobiliare sito in Aulla Località Vecchietto” (era il punto 3)

 

Il Sindaco Simoncini spiega che si tratta della cessione di un terreno in Località Vecchietto in cui è stato costruito prima del 1959. Si tratta di cedere a privati i pochi metri di terreno utilizzati al prezzo di euro 740,00. Le spese del geometra sono totalmente a carico di chi acquista.

 

Si procede alla votazione: 17 favorevoli, 1 astenuto (Colombo)

Con il solito risultato si dichiara l’immediata eseguibilità.

 

Il Consigliere Colombo (Maggioranza) spiega la sua astensione dal voto perchè non ha avuto modo di conoscere a fondo la questione.

 

Si passa alla discussione del punto 3 all’ordine del giorno “Autorizzazione al trasferimento del diritto di proprietà di area di sedime del fabbricato adibito a Sacrestia e di reliquato strada comunale sito in Aulla Località Vecchietto” (era il punto 4)

 

Il Sindaco Simoncini spiega che si tratta di una pratica simile alla precedente riguardante l’area ancora intestata al Comune della Sacrestia di San Bartolomeo in Località Vecchietto. La cifra stimata per la vendita del piccolo terreno è di euro 472,00.

 

Il Consigliere Colombo (Maggioranza) spiega che si asterrà dal voto per il solito motivo della precedente votazione.

 

Si procede alla votazione: 17 favorevoli, 1 astenuto (Colombo).

Con il solito risultato si dichiara l’immediata eseguibilità.

 

Si passa alla discussione del punto 4 all’ordine del giorno “Approvazione piano di somministrazioni di cibi e bevande” (era il punto 5)

 

L’Assessore Magnani (Maggioranza) spiega che, essendo da aprile 2009, entrato completamente in vigore il Testo Unico del Commercio, si sono rese necessarie alcune modifiche al regolamento della vendita di cibi e bevande. Prima dell’entrata in vigore del Testo Unico l’apertura di attività che contemplassero la somministrazione di cibi e bevande era non libera e necessitava di “licenza”. Ora non è più necessario, il nuovo piano che propone è così strutturato:

Chi vuole aprire una nuova attività che comprenda la vendita di cibi e bevande deve essere in possesso di requisiti che si dividono in prioritari (11) e accessori (16).

E’ necessario avere almeno 7 requisiti prioritari per la zona 1 (Aulla centro), almeno 5 requisiti prioritari per la zona 2 (frazioni grandi del Comune) e almeno 3 requisiti prioritari per la zona 3 (frazioni piccole del Comune).

Sarà quindi sufficiente presentare in Comune una pratica di inizio attività e assieme ai requisiti posseduti per poter iniziare l’attività. Il Comune avrà tempo 60 giorni per verificare i requisiti. Sarà necessario riconfermare ogni 2 anni il possedimento dei requisiti necessari. Sono escluse alcune tipologie di attività (es. discoteche). 

Spiega poi che questo piano, fatto in accordo con le Associazioni di Categoria e che ha avuto voto unanime in Commissione, è portato oggi in approvazione in Consiglio Comunale e che da domani si disporrà del nuovo regolamento in vigore.

 

Il Consigliere Ratti (idee in Comune) dice di prendere questo come esempio di buona amministrazione. Il funzionario ha chiamato, consegnato in tempo i documenti per la Commissione, dando tutto il tempo necessario per poter leggere e preparare qualche eventuale appunto da allegare.

 

Il Vice Sindaco Bertoncini (Maggioranza) dice che le strade di Aulla sono piene di cocci di bottiglia. Sa che in altre città è vietato ai bar vendere bottigliette di vetro da portare fuori dal locali. Chiede se ad Aulla esista un regolamento al riguardo o si tratta di inosservanza.

 

L’Assessore Magnani (Maggioranza) spiega che il Sindaco ha provveduto ad emettere un’ordinanza che vieti la vendita dopo un certo orario; nel prossimo incontro ci sarà una discussione approfondita in merito.

 

Il  Consigliere Semeria (Lega Nord) dice che dalla documentazione che ha visionato risulta tutto normativamente in regola,  i dettagli sono curati e apprezza particolarmente la griglia concernente i requisiti di qualità riguardanti i “prodotti locali e tradizionali”, e sarebbe ancora migliore aggiungendo la clausola che al centro di Aulla non si possano vendere prodotti non locali (ad esempio il kebab).

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) chiede chiarimenti riguardo la DIA e sull’adempimento delle leggi e direttive CEE ed in particolare la legge 622 e 623 del 2005. Si disassocia poi dalla dichiarazione dell Consigliere Semeria, dicendo che non si può bloccare la libertà economica.

 

L’Assessore Martorini (Maggioranza) disserisce da Semeria affermando che anche l’inserimento di attività straniere fa parte dell’importante processo di integrazione.

 

Il Consigliere Colombo (Maggioranza) disserisce dal Consigliere Semeria e si associa alla dichiarazione dell’Assessore Martorini.

 

L’Assessore Magnani (Maggioranza) risponde al Consigliere Lupi dicendo che le norme igienico sanitarie non sono state toccate in quanto non di loro competenza.

 

Si procede con la votazione: 18 favorevoli.

Con il solito risultato si dichiara l’immediata eseguibilità.

 

Si passa alla discussione del punto 5 all’ordine del giorno “Comunicazioni del Sindaco – relazione danni emergenza alluvionale” (era il punto 2)

 

Il Sindaco Simoncini comunica di aver sollecitato gli interventi di solidarietà per il dramma che ha colpito Haiti, in questi giorni sono passate in televisione immagini crude e molto dure di intere famiglie distrutte e bambini in pessime condizioni. A questo proposito l’associazione “Aulla per” ha attivato una raccolta di fondi e la giunta comunale ha deciso di donare, oltre alle donazioni fatte personalmente, la cifra di euro 1.500,00.

 

Passa poi ad elencare i danni provocati dalla nevicata del 18/12/2009 che ha coperto Aulla e le sue frazioni di 25/50 cm di neve. Subito dopo la nevicata la temperatura è scesa notevolmente arrivando anche a 11° sotto lo zero trasformando quindi la neve in un manto ghiacciato. Ci sono poi state 2 alluvioni la sera di Natale che hanno provocato paura e apprensione nella poopolazione aullese. I danni provocati dal maltempo sono quindi al manto stradale deformato dal ghiaccio, frane in alcune frazioni, allagamenti di fondi, cantine e garage, danni alle caldaie.

2 famiglie sono state evacuate e fatte pernottare in albergo per allagamento, in via del Popolo, a causa del cedimento di un marciapiede, una famiglia è stata fatta evacuare e sistemata in albergo per accertare eventuali danni all’abitazione anche se presto potrà tornare in casa.

Ringrazia tutti i volontari e gli operatori della Protezione Civile per il loro operato, ringrazia anche gli assessori e i consiglieri che si sono prestati per portare il sale dove occorreva. Nel complesso si è riusciti a prevenire l’emergenza e tamponare i possibili danni. Il 29/12/09 ha avuto un incontro con enti, Protezione Civile e Autorità di Bacino per discutere la situazione dell’argine nella zona di Aulla. A seguito dell’incontro la Provincia ha preso atto della situazione e il 04/02/2010 presenterà un progetto riguardante la costruzione di un muro di argine e l’installazione di pompe di drenaggio nella zona del quartier Matteotti e Scuola di Aulla per un totale di euro 2.000.000,00.

Sarà poi importante tagliare le piante all’interno del fiume Magra e torrente Aulella che possono creare pericolo qualora finissero contro i ponti; levare cumuli di ghiaia dall’alveo del fiume per deviare il percorso delle acque, a questo proposito vi è il parere negativo del Genio Civile di cui si dovrà tenere conto anche se è da tenere in considerazione l’ipotesi anche in ragione del fatto che la ghiaia si può macinare e lavorare evitando ovviamente però il saccheggiamento del letto del fiume.

Le fognature del Comune sono in difficoltà quando si alza il livello dell’acqua del fiume infatti non riuscendo più a scaricare, l’acqua risale le tubature con conseguente allagamento di fondi e cantine. Per questo sono state chieste risorse per la creazione di paratie che si possano chiudere all’occorrenza evitando quindi che il fiume risalga le tubature.

Occorrono inoltre risorse e fondi per la prevenzione e il recupero delle zone forestali.

E’ stato chiesto al Presidente della Protezione Civile Bertolaso la messa in sicurezza del fiume Magra per tutto il tratto Aulla – Pontremoli.

Sono stati stanziati euro 54.000.000,00 di cui 4.000.000,00 già destinati alla zona del fiume Serchio, gli altri 50.000.000,00 saranno anticipati nelle province colpite. Resta da vedere la cifra che arriverà nella Provincia di Massa Carrara.

Il Comune di Aulla è in stato dichiarato in stato di emergenza fino al 31/12/2010 on si può quindi sapere con esattezza se arriveranno dei fondi e l’ammontare non trovandosi in stato di calamità.

Il Comune di Aulla consapevole di affrontare l’emergenza a proprie spese, darà la priorità agli interventi di messa in sicurezza come le frane nella frazione di Olivola o Bigliolo, rimandando ad altra data gli altri eventuali interventi.

 

Il Consigliere Moretti (Pdl) dice che “chi semina vento raccoglie tempesta”. La causa dei disastri degli ultimi giorni non è dovuta ai fiumi, alle piogge o alle nevicate, ma è colpa di una cattiva politica. Spesso le Autorità di Bacino approvano qualsiasi intervento ai Sindaci venga in mente di fare.

Albiano 2 è stata fatta con l’autorizzazione dell’Autorità di Bacino così come il progetto del nuovo Poliambulatorio. La zona artigianale di Albiano si trova in zona esondabile e manca l’argine, argine promesso dal Sindaco all’Autorità di Bacino, ma mai costruito.

Dichiara che costruendo solo argini e mai scolmatori perr il fiume, basta una pioggia e il fiume esce dall’argine. Le nuove costruzioni non sono giustificate dalla costruzione dell’argine, subiremo le conseguenze di unna costruzione sbagliata.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) precisa che non è stato il fiume Magra o il torrente Aulella a sondare, bensì i canali a monte. Il problema di Aulla sono i 10/15 minuti del passaggio delle acque.

La soluzione non è tagliare gli alberi nel fiume quando tutto l’alveo è in erosione. Perché le casse di espansione in località Chiesaccia non sono in funzione? Perché le Ferrovie dello Stato non hanno eliminato i ponti della ferrovia dimessi?

Non si risolve il problema degli allagamenti scavando l’alveo del fiume, quello che si toglie a valle il fiume lo riprende a monte.

 

Si passa alla discussione del punto 6 "Interpellanze e Interrogazioni"

 

Si discute l’interpellanza n. 5 presentata dalla Lega Nord.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) dà lettura dell’interpellanza presentata chiedendo spiegazione in merito alle esondazioni nella zona del quartier Matteotti e scuole di Aulla e del progetto presentato il 16/11/2009 riguardante la costruzione dell’argine che, spiega, deve essere contestuale alla messa in sicurezza della zona del quartier Matteotti per evitare nuove esondazioni. E’ inoltre necessario riequilibrare il territorio, il fiumi sono boschi e i boschi sono fiumi.

 

Il sindaco Simoncini dice di aver già risposto in modo esaustivo precedentemente e sottolinea l’importanza del progetto presentato dalla Provincia che prevede la costruzione di un muro che completa quartier Matteotti.

Spiega poi che, il fiume Magra in piena, non riesce più ad accogliere il torrente Aulella questo, torna indietro e provoca gli allagamenti; quindi quando il fiume sale non c’è altro modo che tirare via l’acqua con delle pompe. L’attuale amministrazione si trova a gestire un’urbanizzazione iniziata negli anni 70 e quindi deve risolvere gli errori che arrivano dal passato. Il Comune non autorizzerà mai delle costruzioni in zone esondabili. Al momento è importante pulire l’alveo del fiume per convogliare verso il centro il corso delle acque ed evitare così l’erosione degli argini.

Il Comune ha chiesto lo stato di calamità ma al momento non è stato concesso quindi il Comune provvederà ad effettuare i lavori prioritari di messa in sicurezza. Nella riunione del 04/02/2010 saranno presenti anche il Prefetto e i sindaci di La Spezie e Ameglia per capire la situazione e provvedere agli interventi necessari alla messa in sicurezza.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) chiede d avere più assicurazioni. La Lega Nord ha provveduto ad effettuare una raccolta firme che manderà alle Autorità di Bacino chiedendo che il lavoro riguardante l’argine previsto sul lato di Podenzana sia fatto all’interno di un piano organico che preveda la contesutale messa in sicurezza del quartier Matteotti, in caso ciò non avvenisse teme per una nuova esondazione nella zona. Fa presente poi che il Ponte che collega Stadano ha le pile coperte di piante a questo proposito chiede un esame di staticità del ponte.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) fa presente che questa amministrazione ha in previsione la costruzione di 11 pile nella zona del Cucolone e che ai Surrogati è presente un mucchio di terra da rimuovere.

 

Il Sindaco Simoncini dice di aver appoggiato la raccolta firme promossa dalla Lega Nord, ma nota che il testo che ha firmato è differente da quello presentato. Il testo da lui sottoscritto prevedeva il supporto da parte dei cittadini al lavoro dell’amministrazione comunale per un progetto che preveda la costruzione dell’argine contestualmente alla messa in sicurezza del quartier Matteotti oltre che alla pulizia dell’alveo del fiume da alberi e ghiaia. E’ comunque qua presente il Vice Presidente della Provincia Fabrizio Magnani che può parlare e confermare il progetto.

 

Il Vice Presidente della Provincia Fabrizio Magnani prende la parola e spiega che il progetto ha ottenuto in Consiglio Provinciale approvazione con voto unanime e spera di trovare anche qua il solito clima. Nel progetto presentato a Novembre, e a cui stanno lavorando ingegneri idraulici e geologi, non era previsto l’ultimo tratto del quartier Matteotti, questo è stato inserito successivamente su richiesta specifica del Sindaco Simoncini. Assicura che il progetto partirà solo se contestualmente alla messa in sicurezza del quartier Matteotti dove verrà costruito un muro, munito di valvole per la fuoriuscita dell’acqua, alto 2,5 metri e un altro muro di 4,5 metri nella zona dietro le scuole di Aulla oltre ad un muro sul lato di Podenzana. Tutto questo perché facendo prendere velocità all’acqua il suo livello scenderebbe di 14 cm.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) fa notare che se le casse di espansione alla Chiesaccia funzionassero il livello scenderebbe di 45 cm.

 

Il Consigliere Moretti (Pdl) dice che la costruzione del muro è una soluzione basata sulle piogge degli ultimi giorni, nel caso dovesse piovere 1 ora in più ci sarebbe comunque una situazione di crisi. Il muro non può essere una soluzione definitiva, si devono creare delle zone di esondazione a monte.

 

Il Vice Presidente della Provincia Fabrizio Magnani spiega che, essendo il fiume Magra un fiume interregionale, è stato chiesto, durante un incontro avuto con Bertolaso, l’affidamento alla Protezione Civile Nazionale che può intervenire al di sopra delle leggi locali.

 

Si passa alla discussione dell’interpellanza 141 presentata dal Consigliere Ratti

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) dice che non rende onore, a livello morale, al Sindaco parlare di errori urbanistici sbagliati dovuti al passato. Le scelte e le operazioni fatte dall’attuale Sindaco, che è in politica da circa 20 anni, non sono state ininfluenti.

Passa alla lettura dell’ interpellanza n. 141 che, precisa, è stata protocollata in data 31/12/09 e quindi prima del colloquio avuto con il Consigliere Chiodetti dal quale ha avuto già una risposta orale. Dice però che non sono state isolate solo le piccole frazioni come Chiamici, ma anche zone centrali all’interno di Aulla.

 

Il Consigliere Chiodetti (Maggioranza) risponde dicendo che nel magazzino del Comune erano presenti 400/420 quintali di sale, quindi sufficienti per tutto il territorio e che lunedì mattina questa riserva era ancora intatta. I mezzi spargisale sono entrati in funzione il 18/12/09 alle ore 18.00, il giorno stesso della nevicata, e hanno lavorato ininterrottamente per distribuire sacchi di sale a chiunque ne abbia fatto richiesta. Gli unici problemi ci sono stati domenica mattina quando la temperatura è arrivata a 12° sotto zero e a queste temperature il sale non fa niente. Però si è lavorato per 3 giorni ininterrottamente e se qualcuno è rimasto isolato si è trattato di qualche strada privata. La situazione di Chiamici è differente, si è scelto di non intervenire in quella zona perchè la strada per arrivarci è molto ripida e coperta di ghiaccio quindi era pericoloso mandarci i mezzi. La strada è comunque stata riaperta domenica alle ore 11.00. ringrazia poi tutti coloro che si sono prestati per aiutare in una situazione di emergenza compresi consiglieri e amministratori che hanno lavorato fino al giorno di Natale. Dice però di non aver visto nessuno della minoranza presentarsi per dare una mano a portare il sale.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini dice che, dato la presenza di numerose interpellanze che meritano una risposta chiara, propone che si legga il testo dell’interpellanza e si dia subito una risposta chiara e veloce per non fare tardi o dover rimandare al prossimo Consiglio le interpellanze non lette.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) chiede quanti Kg di sale deve spargere la minoranza.

 

Il Consigliere Petacco (Maggioranza) risponde tanto quanto il sale in zucca.

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) risponde al Consigliere Chiodetti dicendo che la parte finale del suo intervento è stata poco seria  perchè rivolta sul piano personale. Precisa che lui si è riferito a quello che ha visto, come Via Resistenza che pur essendo una strada centrale  era ricoperta di ghiaccio al punto che si faticava a rimanere in piedi. Si chiede quindi dove sia stata l’eccellenza del Comune nel risolvere l’emergenza visto che non vi era posto in cui non ci fosse un problema.

Passa poi alla lettura dell’ interpellanza n. 142 a cui allega anche un verbale redatto dai Carabinieri riguardante 7 vetture che hanno riportato gravi danni dopo essere finite dentro alla buca non segnalata. Chiede poi, visto che il Comune ha un’assicurazione, se non fosse il caso di avviare i cittadini per la possibilità di avere un risarcimento del danno subito.

 

Il Sindaco Simoncini risponde che il Comune ha, da sempre, un’assicurazione che copre i danni causati da incuria e che per poter avere un risarcimento basta una semplice denuncia. Chiede poi come abbiano potuto i Carabinieri, misurare la profondità della buca visto che questa era ricoperta d’acqua. Dice poi di essere finito anche lui con la sua auto dentro quella buca, ma di non aver subito i danni che hanno denunciato le 7 vetture. Forse perché la  velocità a cui andava non era troppo sostenuta e che quindi basta un po’ di attenzione e non camminare troppo forte. Spiega poi che in quella zona è stato creato subito la circolazione a senso unico ben visibile con la segnaletica, non si spiega quindi come abbiano fatto a finirci dentro in così tanti. Dice poi che dopo solo un’ora da una nevicata è impossibile risolvere immediatamente la viabilità. Anche i cittadini e i commercianti dovrebbero collaborare pulendo il pezzo di strada che li riguarda. Ricorda che durante la nevicata eccezionale dell’85 lui stesso si è reso disponibile con la jeep a portare il sale nelle frazioni. E’ proprio nelle piccole frazioni che i cittadini hanno collaborato maggiormente con gli operatori per risolvere il disagio il prima possibile, mentre nel centro di Aulla in tanti pretendevano che gli si pulisse subito davanti all’uscio di casa. Il Comune deve pensare a risolvere prima le situazioni più disagiate.

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) dice di aver appreso solo ora che, oltre che stare davanti al caminetto comodo in casa quando nevica, corre pure troppo veloce quando è in macchina.

 

Il Sindaco Simoncini spiega che è normale quando nevica usare un po’ più di prudenza del  normale.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini propone che vengano lette l’interpellanza del Consigliere Semeria e la mozione del Consigliere Lupi entrambe riguardante la TARSU e poi si diano le risposte.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) dà lettura dell’interpellanza chiedendo spiegazioni in merito alle notifiche arrivate in questi giorni di accertamento TARSU. Chiede  spiegazioni riguardo la disorganizzazione dei controlli e se gli accertamenti siano affidati ad una ditta esterna..

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) legge il testo della  mozione.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) spiega che nell’atto di accertamento manca la motivazione.

Spiega poi che gli atti di accertamento sono stati fatti con il software della ditta appaltatrice con firma digitale e che non sono validi in quanto manca il deposito della firma originale.

Dice poi che sono accertamenti illegittimi i quanto si riferiscono alla legge entrata in vigore nel 2005 che prevede la TARSU in base alla metratura ma sono stati applicati anche all’anno 2004..

Infine per spese di euro 19.500, basta una trattativa privata, ma l’appalto alla ditta accertatrice doveva essere presentato in Consiglio Comunale, cosa che non è stata fatta. Chiude dicendo che ritiene gli atti illegali e quindi da annullare.

 

Il Sindaco Simoncini risponde che la legge applicata è la 311/2004 e prevede che la metratura su cui calcolare la TARSU non può essere inferiore all’80% di quella accatastata. La ditta che si occupa del calcolo degli accertamenti è la ditta SIPA di Pontremoli. Sono state ricalcolate circa 5.400 utenze, 828 hanno ricevuto l’accertamento di cui circa 130 sono stati ricalcolati. Nei precedenti conteggi non è stato tenuto conto di garage e cantine, da qui il motivo degli accertamenti. Il software per il conteggio ha un costo di euro 1.800,  che verrà pagato solo dopo aver incassato i soldi degli accertamenti. Per agevolare i cittadini che vogliono avere spiegazioni gli uffici comunali saranno aperti al pubblico anche al sabato e sarà possibile prenotare l’incontro telefonicamente. Si calcola che il tempo necessario a ricevere tutti i cittadini sia di 4 mesi, durante i quali i pagamenti saranno sospesi. Spiega che gi accertamenti sono stati fatti per equità fiscale, se tutti pagano il dovuto tutti pagheranno meno. Si procederà dunque agli accertamenti dalll’anno 2004 in modo da portare nel 2010 tutti sul solito livello e adeguare tutti al solito paramentro.

 

L’Assessore Schianchi (Maggioranza) spiega di capire lo sconcerto di molta gente per i toni un po’ forti della lettera di accertamento ma assicura che l’amministrazione è disponibile a sentire le ragioni di tutti i cittadini che vorranno esporle. Preannuncia che da nuovo anno sarà aumentato il numero dei passaggi per ritirare l’immondizia.

 

Il Consigliere Vasoli (Pdl) entra alle ore 23.00.

 

L’Assessore Martorini (Maggioranza) spiega che, visto che nel 2005 si è scelto di adottare il criterio previsto dalla nuova legge, si è deciso di adottare il solito sistema anche per l’anno 2004.(Il Consigliere Semeria (Lega Nord) dice che è illegittimo applicare una legge del 2005 all’ano 2004) Inoltre rassicura dicendo che non verranno applicate sanzioni ai cittadini in quanto l’errore del conteggio non è da imputare a loro.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) presenta la mozione di annullamento degli accertamenti, per autotutela del Comune perché gli atti sono illegittimi. E’ sbagliato il concetto di criminalizzare a priori il cittadino che oltretutto non può sapere la determina a cui i calcoli fanno riferimento. La legge di riferimento è citata indirettamente; nell’accertamento non è allegata la planimetria quindi non può sapere i metri a cui l’atto fa riferimento e non è specificata la metratura di partenza. Chiede infine una Commissione d’Inchiesta sul Comune a questo proposito.

 

Il Consigliere Petacco (Maggioranza) spiega che il Comune di Aulla, così come molti altri comuni, ha deciso di “fare cassa” con il metodo degli accertamenti. Capisce la perplessità dei cittadini per l’errato metodo di comunicazione della ditta. Spiega però che i cittadini hanno pagato per anni una tariffa sbagliata e che quindi la richiesta del Comune è da considerare legittima. Ritiene comunque la richiesta al punto 1 della mozione presentata dal Consigliere Lupi giusta, ma è contrario al punto 2. se il punto 2 venisse ritirato, il suo voto personale sarà favorevole.

 

Il Sindaco Simoncini spiega che la colpa non è da imputare ai cittadini però perr equità fiscale è giusto procedere all’accertamento per cui occorrerà un tempo di circa 4 mesi trascorsi i quali sarà spedita una nuova cartella con il giusto importo da pagare. Questo sistema è un segno di serietà nei confronti di chi ha pagato e paga regolarmente.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) afferma che il metodo di comunicazione è illegale. L’errore è da imputare alla ditta che nel 92/93 ha effettuato i conteggi. I danni andrebbero quindi chiesti esclusivamente alla ditta e non ai cittadini che non potevano sapere che stavano pagando secondo dei conteggi sbagliati. Si dovrebbe procedere ad una sanatoria fino all’anno 2010 e provvedere poi a spedire delle cartelle regolari.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) spiega che l’accertamento non andava spedito per l’anno 2004 in quanto la legge è entrata in vigore solo nel 2005 dice poi che se l’Ufficio Tributi avesse potuto lavorare correttamente avrebbe sicuramente comunicato che questa è un’operazione che non si può fare.

 

L’Assessore Schianchi (Maggioranza) dice che l’Assessore Martorini ha già spiegato le ragioni per cui si utilizzano i criteri del 2005 sull’anno 2004. in questi 4 mesi verranno accertati i casi atipici, che sono circa il 10% (chi ad esempio ha i muri spessi 1 metro e se lo è visto conteggiare come metratura) e i casi non corretti, circa l’80%, cioè chi non ha conteggiato garage e cantine.

Dice poi che al di là dei toni delle comunicazioni, delle sanzioni e del malumore, si è trattato di un’operazione assolutamente trasparente.

 

Il Consigliere Petacco (Maggioranza) chiede 5 minuti di sospensione.

 

Sospensione concessa.

 

Si riapre il Consiglio Comunale e si procede con l’appello. Risultano assenti:

per la maggioranza: Bertoncini, Magrini e Della Ragione;

per la minoranza: Vivaldi

La seduta è valida con 16 presenti.

Gli scrutatori sono presenti.

 

Si procede con le dichiarazioni di voto.

 

Il Consigliere Semeria (Lega Nord) dichiara di votare favorevolmente a tutti i punti della mozione.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) voterà a favore perché l’atto è illegittimo e mancante della necessaria informazione e motivazione al cittadino.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) si associa alle motivazioni presentate dai due gruppi di minoranza.

 

L’Assessore Martorini (Maggioranza) ammette la mancanza del deposito della firma originale e per questo dovrà rispondere la ditta che ha commesso l’errore. Ritiene però giusta la proposta dell’eliminazione delle sanzioni al cittadino perché non sua la colpa dell’errore.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) dice che la maggioranza persevera nell’errore e nota che perr le dichiarazioni di voto ha parlato l’Assessore Martorini al posto del Capogruppo Petacco che aveva invece dimostrato un’apertura al dialogo e al confronto.

 

L’Assessore Martorini (Maggioranza) dichiara che fino a che non verrà dimostrato nei fatti che l’amministrazione ha sbagliato, continueranno con questa procedura.

 

Si procede alla votazione del primo punto della mozione:

favorevoli 7 (tra cui Petacco), contrari 8 e astenuti 1(Bonini)

Si procede alla votazione del secondo punto della mozione: favorevoli 6 e contrari 10

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) dà lettura dell’ intepellanza, aggiungendo che in questi giorni si sommano al disagio problemi di riscaldamento.

 

Il Delegato esterno Bonatti (Maggioranza) spiega che esiste alle scuole materne di Pallerone una situazione critica. Vi è un lato che ha avuto un adeguamento qualche anno fa e un lato ancora chiuso. Esiste a questo proposto un progetto  di adeguamento sismico di euro 400.000,00 di cui euro 51.000,00 non finanziabili. Il progetto partirà comunque in Primavera per un massimo di euro 290.000,00 elargiti dalla regione Toscana probabilmente quest’ anno.

 

Il Consigliere Ratti (Idee in Comune) spera che il progetto venga seguito.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) dà lettura dell’interpellanza

 

Il Sindaco Simoncini spiega che l’accordo con il Demanio per la custodia dell’area ex Cjmeco è ancora in essere. Il taglialegna ha l’autorizzazione del Demanio a entrare nell’area per tagliare la legna. I copertoni fotografati li ha messi lì il Comune perché ne rimanevano alcuni nell’area dell’ex polverificio e per risolvere in tempi rapidi le opere lì iniziate, si è pensato di affidarne lo spostamento alla ditta Poggi all’interno dell’area ex Cjmeco provvedendo nel contempo a un conteggio dei copertoni presenti e provvedere in un secondo momento al loro smaltimento.

 

Il Consigliere Lupi (Idee in Comune) si dichiara non soddisfatto della risposta avuta in quanto l’incarico alla ditta appaltatrice è avvenuto al di fuori del Consiglio Comunale riferendosi a una delibera di euro 160.000,00 non coperta e non cita che l’area Cincillà è posta sotto sequestro. Preannuncia che chiederà spiegazione riguardo alla bonifica dell’area ex Kerocosmo.

Le delibere 142, 100 e 147 riguardanti Pallerone 2000 non sono disponibili per la consulta e non se ne conosce la copertura economica. Esiste però una determina dell’Ingegner Lazzerini emessa a favore della ditta Poggi riguardante un impegno di spesa e liquidazione. Vorrebbe conoscere i termini della bonifica dell’area ex Cincillà. Alla minoranza non è arrivata nessuna comunicazione che a dicembre il socio di maggioranza di Pallerone 2000 ha venduto la sua quota; il Comune ha esercitato il suo diritto di prelazione? L’area ex Cjmeco viene utilizzata come discarica ad uso e consumo del Comune, non solo è stata usata per depositarvi centinaia di copertoni ma anche per appoggio di materiale rimosso durante la campagna elettorale; questa amministrazione non informa.

 

Il Sindaco Simoncini risponde che Pallerone 2000 ha chiesto euro 4.500.000,00  per lo smaltimento dell’amianto degli edifici abbattuti. La delibera di euro 160.000,00 si riferisce a un bando emesso dalla Comunità Europea che il Comune ha provato a chiedere per poter aver accesso ancora a più fondi. Il Demanio a oggi non ha ancora pagato la custodia della zona ex Cjmeco.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) dà lettura dell’interpellanza n. 1267 riguardante le opere pubbliche del 2009 dicendo che la seconda variazione al piano è stata approvata in data 30/12/2009 chiede quando inizieranno i lavori riguardanti le fognature necessari visto l’aumento demografico.

 

Il Sindaco Simoncini spiega che anche a seguito dell’alluvione è già stato attivato un piano di adeguamento anche per la frazione di Caprigliola.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) dà lettura dell’interpellanza n. 1266 riguardante il Polo scolastico di Albiano e chiede una verifica del depuratore, quando verrà ripristinato lo sterrato di collegamento alla scuola, se il polo scolastico ha ottenuto il certificato di abitabilità e quello rilasciato dai Vigli del Fuoco e se è previsto un rimborso da parte di Lunigiana Acque per la mancata erogazione del servizio di depurazione.

Il Sindaco Simoncini risponde che il ripristino del tratto di sterrato è stato appaltato all’ERP e che i lavori verranno ultimati entro il 2010.

Specifica poi che il polo scolastico ha già avuto i collaudi vari di abitabilità da parte ei tecnici, rimane per ora escluso solo il giardino per il quale è previsto entro marzo.

Per la prevenzione incendi sono state apportate alcune migliorie qualche anno fa come le maniglie antipanico e a giorni vi sarà la presentazione della VIA per la cui approvazione avolte occorrono anche 2 anni.

Il caso Lunigiana Acque si riferisce a una sentenza della Corte Costituzionale  135 del 08/12/2008 e successive modifiche secondo cui la tassa va comunque pagata.

 

Il Consigliere Caponi (Pdl) annuncia che invierà una copia dell’interpellanza anche a Lunigiana Acque e passerà la questione alla Procura della Repubblica; se un servizio non viene fornito non è giusto pagare.

 

Il Consigliere Moretti (Pdl) dà lettura dell’interpellanza n.164 nella quale spiega che sono iniziati dei lavori di costruzione edile in Via Serra ad Albiano; a questo proposito chiede che venga mantenuto il vecchio viotto come percorso pedonale e non se ne alteri il tragitto.

 

Il Consigliere Chiodetti (Maggioranza) spiega che alcune vie di collegamento tra le frazioni di Stadano e Albiano hanno subito grosse frane per le quali è stato chiesto immediato intervento.

 

Il Consigliere Moretti (Pdl) spiega che il percorso a cui si riferisce c’è ancora e che quando è stato fatta l’autostrada è stato mantenuto con la creazione di un sottopassaggio sotto l’autostrada; questa antica via va salvaguardata.

 

Il Delegato esterno Bonatti (Maggioranza) spiega che questa antica via veniva utilizzata per trasportare i morti per i funerali.

 

Segue un breve dibattito tra il Consigliere Moretti, il delegato Bonatti e il Consigliere Semeria per capire di quale via si stia parlando.

 

Il Sindaco Simoncini dice che sono comunque favorevoli a salvaguardare l’antica via.

 

Il Presidente del Consiglio Bonini dichiara chiusa la seduta di Consiglio Comunale alle ore 00.35.

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
 

Archivio

Rassegna stampa

Comune di Aulla

Operazione Trasparenza Comune di Aulla

Ultimi Post Forum

by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
Powered by JoomlaMe

Mondo

quercia2.jpg

pace