1024 Idee in comune - Committente elettorale: Pedrini MIlena

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Risorse Diritti del cittadino PEC "Posta Elettronica Certificata" Cosa stiamo aspettando! P.E.C. Posta Elettronica Certificata

Cosa stiamo aspettando! P.E.C. Posta Elettronica Certificata

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Con questo favolosa tecnologia il comune potrebbe snellire moltissimo l'iter burocratico attivando ad esempio questi servizi: l’autocertificazione anagrafica, il pagamento Ici, la denuncia di attività in edilizia (DIA) e la dichiarazione Tarsu, tanto per iniziare. Noi invece no! non ne sappiamo nulla, continuiamo ogni giorno a metterci in fila davanti agli uffici perdendo ore di lavoro e di vita privata a combattere con la burocrazia e tonnellate di carta, questo potrebbe essere risolto comodamente da casa inviando semplicemente un'email con la richiesta, e istantaneamente avere la risposta con il documento cercato senza perdita di tempo per il cittadino e soprattutto senza generare rallentamenti, scocciature, incomprensioni, attriti presso gli uffici della PA dove gli addetti potrebbero lavorare senza essere disturbati ogni tre per due da persone in collera per le ore di attesa. La legge sembra parlare chiaro, qui sotto qualche riferimento alle leggi vigenti (Non è che ognuno può fare come vuole): 

Uno strumento obbligatorio per la PA
La PEC è utile e fa lavorare meglio. Ma è anche un obbligo previsto dalla legge.
Infatti le PA devono:

Un vantaggio per amministrazioni, dipendenti e cittadini
La certezza delle comunicazioni tra amministrazione e cittadino è una condizione fondamentale per una PA efficace ed efficiente. È anche una garanzia di trasparenza. Con la PEC gli uffici della pubblica amministrazione possono dialogare direttamente con i cittadini e i dipendenti pubblici via e-mail. La PEC offre una grande possibilità di semplificazione dei procedimenti, riducendone i tempi di esecuzione e assicurando qualità ed efficacia al servizio.

Come ottenerla
La PEC potrà essere richiesta gratuitamente al concessionario già individuato dal Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione.

L'amministrazione che adotterà la PEC potrà:

  • distribuirla gratuitamente a tutti i propri dipendenti;
  • acquisirla gratuitamente per ciascun registro di protocollo;
  • disporre dell'elenco degli indirizzi dei cittadini in possesso della PEC gratuita.

 

Stralcio della legge 69/2009 (Testo completo)

Art. 34.

(Servizi informatici per le relazioni tra pubbliche amministrazioni e utenti)

1. Al codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 6 è aggiunto, in fine, il seguente comma:
«2-bis. Le pubbliche amministrazioni regionali e locali hanno facoltà di assegnare ai cittadini residenti caselle di posta elettronica certificata atte alla trasmissione di documentazione ufficiale»;
b) all'articolo 54, dopo il comma 2-bis sono inseriti i seguenti:
«2-ter. Entro il 30 giugno 2009, le amministrazioni pubbliche che già dispongono di propri siti sono tenute a pubblicare nella pagina iniziale del loro sito un indirizzo di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai sensi del presente codice. Le amministrazioni devono altresì assicurare un servizio che renda noti al pubblico i tempi di risposta, le modalità di lavorazione delle pratiche e i servizi disponibili.

2-quater. Entro il 31 dicembre 2009 le amministrazioni pubbliche che già dispongono di propri siti devono pubblicare il registro dei processi automatizzati rivolti al pubblico. Tali processi devono essere dotati di appositi strumenti per la verifica a distanza da parte del cittadino dell'avanzamento delle pratiche».

2. Le disposizioni del presente articolo non si applicano ai procedimenti, anche informatici, già disciplinati da norme speciali.

3. Dall'applicazione delle disposizioni introdotte dal presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Riportiamo anche:

icon Lettera del Ministro Brunetta alle Amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, c.2 del d.lgs. 165/2 (51.93 kB)

icon Il testo della circolare n. 1/2010/DDI (247.2 kB)

Un paio di link dove si può richiedere una PEC "email certificata" gratuitamente:

ACI Automobile Club d'Italia

INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
 

Archivio

Rassegna stampa

Comune di Aulla

Operazione Trasparenza Comune di Aulla

Ultimi Post Forum

by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
by nipon
Jun.20.10
Powered by JoomlaMe

Mondo

quercia2.jpg

pace